Nei suoi occhi, nella loro magrezza ebbi la percezione dell’infinita capacità dell’uomo di diventare divino. “Eliogabalo” di Akira Kasai al Museo Archeologico di Napoli